Re-play
Re-play il mondo si ripete per te!

 
 


Altro

novembre 23rd, 2017

Dopo la Torre di Pisa, anche il Colosseo pende

More articles by »
Written by: Giuseppe De Michele
Tag:,
colosseo

Qualcuno ne era a conoscenza già da un anno, i romani invece appena ieri hanno saputo che Roma è gemellata con Pisa, ovvero che il Colosseo pende proprio come la famosa torre. Precisamente si tratta di 40 centimetri di dislivello tra la porzione sud e nord dell’Anfiteatro Flavio. Tanto che già da un paio di mesi, come racconta il Corriere della Sera, ha preso il via il monitoraggio del comportamento dinamico del monumento simbolo di Roma, grazie a un accordo tra la Soprintendenza archeologica, l’Università Sapienza di Roma e l’Igag-Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Cnr. Per capire così di che tipo di danno si tratti e per studiare eventuali misure da mettere in campo per contrastare la pendenza del Colosseo, proprio alla vigilia della partenza dei lavori di ristrutturazione sponsorizzati da Diego Della Valle.

Come spiega Giorgio Monti del Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica della Sapienza, a causare il dislivello rivelato nella porzione sud del monumento potrebbe essere la presenza di una frattura interna nella struttura di calcestruzzo, spessa 13 metri, su cui poggia il Colosseo. Che, se confermata, dividerebbe di fatto l’Anfiteatro in due diverse porzioni, che andrebbero a questo punto ricollegate per evitare la degradazione del monumento.

Prima ancora però di ricorrere a georadar e carotaggi per confermare la frattura interna nella base del monumento, è necessario stabilire la portata del disturbo causato dal traffico nei dintorni dell’anfiteatro. Velocimetri e accelerometri sono infatti già al lavoro per capire che reale peso abbiano metroauto, motorini ed elicotteri sulla stabilità del Colosseo, che con le loro vibrazioni mettono a rischio l’integrità delle fondamenta (e non solo) del monumento.

E se i risultati del monitoraggio – che durerà circa un anno – dovessero evidenziare un pericolo troppo alto per l’anfiteatro non è da escludere che si pensi, di nuovo, a fare della zona circostante il Colosseo una grande isola pedonale. Una proposta che incontra i favori soprattutto di Legambiente Lazio, che appena lo scorso giugno aveva lanciato la campagna di raccolta firme per pedonalizzare la zona dei Fori Imperiali.


About the Author

Giuseppe De Michele





0 Comments


Be the first to comment!


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>